* Il tuo browser non supporta Javascript: installare il componente per visionare correttamente il sito *

se stai cercando assistenza legale penale a Belluno puoi rivolgerti con fiducia allo Studio Legale Bettiol di Belluno; nel sito studiolegalebettiol.it troverete informazioni utili sui servizi offerti dallo Studio.

entra nel sito studiolegalebettiol.it avrai l'opportunità di trovare informazioni utili per quanto concerne assistenza legale penale a Belluno assistenza legale civile, cause separazione e divorzi Belluno, controversie condominiali a Belluno. Quindi se stai cercando un avvocato civilista a Belluno oppure inviaci una mail a info@studiolegalebettiol.it.

Se cerchi un avvocato Belluno puoi consultare lo Studio Legale Bettiol, un team di professionisti in grado di valutare le tue necessità e fornirti l'assistenza legale di cui hai bisogno - www.studiolegalebettiol.it .

Nel sito studiolegalebettiol.it troverete informazioni utili per il avvocato a Belluno Padova Treviso Vicenza e Venezia ,consulenze legali consulenza legale su eredità legittima. studiolegalebettiol.it è al tuo fianco se hai bisogno di recupero crediti a Belluno Treviso Padova Venezia Veneto.

affidati allo Studio Legale Bettiol se stai cercando consulenza diritto commerciale e societario a Belluno - competenza e professionalità contradistinguono lo Studio Legale Bettiol - risposte concrete alle tue esigenze !

Entra nel sito studiolegalebettiol.it se cercate un consulenza su diritto commerciale a Belluno o uno studio legale specializzato in consulenza contrattuale a Belluno; l'avvocato penalista che stavate cercando lo potete trovare presso lo studio Legale Bettiol a Belluno;.

se cerchi consulenza diritto amministrativo e societario a Belluno : sei nel posto giusto , Studio Legale Bettiol è la soluzione che stavate cercando, garanzia di professionalità e competenza - lo trovi a Belluno in Viale Fantuzzi n° 11, a pochi metri dalla Questura e dagli Uffici Giudiziari, con ampia possibilità di parcheggi nelle immediate vicinanze.

La scelta di uno Studio Legale per consulenza su diritto amministrativo e societario a Belluno , tutela legale e risarcimento malasanità può essere un'operazione complessa e non priva di difficoltà; è necessario quindi affidarsi a strutture competenti ed organizzate in grado di assicurare i risultati sperati; rivolgiti allo Studio Legale Bettiol contattandoci al numero telefonico 0437-944.210 oppure inviando un fax a 0437-298.938 o in alternativa inviandoci una mail a : info@studiolegalebettiol.it;

Hai bisogno di consulenza ed assistenza su reati ambientali Belluno e non sai a chi rivolgerti? allora puoi rivolgerti allo Studio Legale Bettiol , un team di Avvocati con grande esperienza in grado di fornire l'assistenza legale che stavate cercando.

Lo Studio Legale Bettiol Vi offre un servizio altamente qualificato per assistenza su reati ambientali a Belluno ed assistenza su reati ambientali Belluno oppure sei alla ricerca di un mediatore abilitato dal MInistero di Grazia e Giustizia rivolgiti allo studio legale Bettiol Belluno.

lo Studio Legale Bettiol a Belluno è mediatore abilitato dal Ministero di Grazia e Giustizia - competenza e professionalità al vostro servizio per ricorsi sanzioni amministrative a Belluno

lo Studio Legale Bettiol è in grado di fornirvi tutta l'assistenza necessaria per il risarcimento su infortunistica stradale a Belluno e cause legali su infortunistica stradale ricorsi ordinanze ingiunzioni di pagamento sanzioni amministrative e ricorsi ordinanze ingiunzioni di pagamento lo Studio Bettiol è inoltre un mediatore abilitato dal Ministero di Grazia e Giustizia.

Naviga il sito qui:

Ci rivolgiamo soprattutto ad aziende e privati e siamo vicini a: Belluno Ponte nelle Alpi Padova Treviso Vicenza Venezia Veneto Limana Trichiana Lentiai NevegalSedicoSospiroloPieve d'AlpagoPuos d'AlpagoFarra d'AlpagoChies d'AlpagoFeltreLongarone

Studio Legale Avvocato Stefano Bettiol - Avvocato Belluno e Treviso

Mobbing

 Per mobbing si deve intendere “un comportamento del datore di lavoro (o del superiore gerarchico, del lavoratore a pari livello gerarchico o addirittura subordinato), il quale, con una condotta sistematica e protratta nel tempo e che si risolve in sistematici e reiterati comportamenti ostili, pone in essere forme di prevaricazione o di persecuzione psicologica nei confronti del lavoratore nell’ambiente di lavoro. Da ciò può conseguire la mortificazione morale e l’emarginazione del dipendente, con effetto lesivo del suo equilibrio fisiopsichico e del complesso della sua personalità” (ex multis: Corte di Cassazione 10.1.2012, n. 87, Cass. 10.12.2012, n°22393, Cass. 31.5.2011, n. 12048 e Cass. 17.2.2009, n. 3705).

I requisiti del mobbing sono rappresentati dalla frequenza, dalla durata, dalla reiterazione e dalla particolare intensità delle azioni vessatorie intraprese e dal relativo e parimenti intenso danno patito dalla vittima, oltreché dall’intento persecutorio e/o discriminatorio posto in essere nei confronti di quest’ultima.

In particolare, il mobbing può essere di tipo verticale, ovvero dall’alto verso il basso (superiore versus dipendenti), o dal basso verso l’alto (dipendenti versus superiore, in tal caso si parla di bossing) e di tipo orizzontale, quando viene attuato tra colleghi.

Le azioni vessatorie, nei casi concreti, possono essere rappresentate dall’emarginazione del lavoratore, da provvedimenti disciplinari applicati sulla base di episodi di dubbia consistenza o fondati su presupposti di fatto errati o, comunque sovradimensionati, oppure da un demansionamento ingiustificato e dequalificante, dalla diffusione di maldicenze, da maltrattamenti verbali, offese personali e così via.

Le azioni vessatorie devono essere in grado, inoltre, di determinare, in capo al lavoratore precise conseguenze quali depressione, stati d'ansia, profonda sfiducia nelle proprie possibilità, grave compromissione alla vita di relazione e affettiva, problemi psichici di varia natura.

In caso di mobbing da parte del datore di lavoro – l’ipotesi più frequente –, la norma di riferimento è l’art. 2087 c.c., il quale prevede, in capo a quest’ultimo, l'obbligo contrattuale di adottare nell'esercizio dell'impresa le misure che sono necessarie a tutelare l'integrità fisica e la personalità morale del lavoratore. Il datore di lavoro non solo è tenuto ad adottare tutti i mezzi di protezione individuali e collettivi che permettono la salvaguardia della sicurezza e della salute sul posto di lavoro, ma anche, da un punto di vista psichico, è tenuto all'abbattimento o quantomeno alla riduzione di fattori di stress legati alla prestazione lavorativa.
Il bene protetto dalla norma dettata dal codice civile, che ha portata generale, è rappresentato, dunque, dall’integrità fisica e morale del lavoratore.

In una causa instaurata innanzi al Giudice del Lavoro e volta al risarcimento del danno da mobbing occorre contestualizzare e documentare le azioni vessatorie poste in essere dal datore o dal collega, oltreché dimostrare e quantificare il danno subìto in conseguenza delle stesse. A tal proposito si segnala che la Corte di Cassazione a Sezioni Unite con la sentenza n. 6572/06 ha dissipato ogni dubbio circa il riconoscimento di un danno di natura esistenziale da mobbing, quale “pregiudizio (di natura non meramente emotiva ed interiore, ma oggettivamente accertabile) provocato sul fare areddittuale del soggetto, che alteri le sue abitudini e gli assetti relazionali propri, inducendolo a scelte di vita diverse quanto all’espressione e realizzazione della sua personalità nel mondo esterno”.

  • Mobbing
P.iva 00902920255 - C.F. BTTSFN68T02A757C